Area: Valli Taro e Ceno

18 febbraio 2016

Interrogazione alla Giunta del consigliere in merito al progetto della Pengas Italiana Srl inoltrato al ministero dello Sviluppo economico e che interessa un’area di 411 chilometri quadrati: “I Comuni dovranno comunque essere coinvolti nella procedura”

17 febbraio 2016

Il consigliere in una interrogazione alla Giunta: “Il progetto di Pengas altamente impattante per l’ambiente e in contrasto con accordi e protocolli siglati” dall’amministrazione regionale

3 febbraio 2016

Oltre trenta consiglieri, in rappresentanza di Pd, LN, Sel, M5s, FI, Fdi-An, hanno depositato una risoluzione che indica alcuni precisi impegni della Giunta. Prima firmataria Luciana Serri (Pd)

26 gennaio 2016

Il consigliere in una interrogazione alla Giunta: “L’inserzione pubblicitaria a cura della Regione ha suscitato indignazione da parte dei produttori piacentini e dei consorzi Dop. La provincia di Piacenza, record assoluto a livello europeo, annovera la presenza di ben tre produzioni Dop”

26 gennaio 2016

Seduta congiunta delle commissioni ‘Bilancio, affari generali e istituzionali’ e ‘Territorio, ambiente, mobilità’ alla presenza dell’assessore Paola Gazzolo e del direttore di Atersir Vito Belladonna: negli anni accumulate oltre 80mila istanze di concessione demaniale, 25mila ancora da regolarizzare

5 gennaio 2016

La realizzazione o meno dell’infrastruttura, scrive il consigliere, ha una certa rilevanza soprattutto per quanto riguarda i diversi possibili collegamenti, con evidenti benefici per i territori limitrofi, in particolare quelli delle provincie di Piacenza, Parma e Reggio Emilia

23 dicembre 2015

Interrogazione alla Giunta. Secondo il consigliere, “la situazione è estremamente grave e rischia di peggiorare con il passare delle settimane”: la proposta è allora di “sostenere le relative società di gestione, prevedendo la sospensione dei pagamenti di imposte e contributi regionali”

23 dicembre 2015

In una risoluzione presentata all’Assemblea legislativa, i consiglieri Bertani (1^ firmatario), Sassi, Sensoli, Gibertoni, sottolineano il fatto che i produttori temono “la linea d’azione suggerita dalla Commissione europea, lungi dal portare ad una maggiore semplificazione delle norme, avrebbe come unica e deleteria conseguenza la liberalizzazione dell’utilizzo dei vitigni”

22 dicembre 2015

In una interrogazione alla Giunta, il consigliere parla di “decisione presa senza una seria ricognizione delle esigenze del territorio”