COMUNICATO
Governo locale e legalità

Fusione Comuni Ferrara. Ok in Aula a referendum per fusione tra Formignana e Tresigallo e tra Berra e Ro

Relatori Calvano e Zappattera (Pd): “fusioni quasi fisiologiche, nate dal basso e finalizzate a dare più efficienza ai nuovi Comuni”. Rancan (Ln), relatore minoranza: “Percorsi trasparenti e partecipati, un’opportunità da cogliere”

Via libera all’unanimità da parte dell’Assemblea legislativa all’indizione dei referendum consultivi delle popolazioni interessate sui progetti di legge che, nella provincia di Ferrara, prevedono l’istituzione di nuovo Comune mediante fusione di Comuni tra Formignana e Tresigallo e tra Berra e Ro, di cui sono relatori di maggioranza rispettivamente Paolo Calvano e Marcella Zappaterra (Pd) mentre relatore di minoranza è Matteo Rancan (Ln). Il referendum si terrà presumibilmente domenica 7 ottobre 2018.

Il relatore Paolo Calvano (Pd) ha spiegato come il progetto di fusione tra Formignana e Tresigallo sia stato ampiamente condiviso dalle forze politiche presenti nei due consigli comunali e come la cittadinanza, in tutte le sue articolazioni, sia stata ampiamente consultata da entrambe le amministrazioni comunali. I due Comuni – ha sottolineato – sono realtà diverse ma complementari e la fusione può rafforzare un territorio che ha svariate fragilità, consentendo di migliorare i servizi. Si tratta – ha concluso il consigliere dem – di “una fusione istituzionale quasi naturale”, ricordando comunque che “saranno i cittadini a ratificarla con il loro voto”.

La relatrice Marcella Zappaterra (Pd) ha ricordato come da anni i Comuni di Berra e Ro collaborino pienamente sotto tanti aspetti e, quindi, la scelta della fusione sia finalizzata a rafforzare questa collaborazione dando al contempo nuove opportunità di sviluppo ai cittadini. I finanziamenti – ha evidenziato la consigliera dem – sono importanti ma non sono l’elemento decisivo, in quanto siamo di fronte “a una fusione quasi fisiologica, che nasce dal basso e che darà più efficienza all’amministrazione, consentendo razionalizzazioni e risparmi”.

Il relatore di minoranza Matteo Rancan (Ln) ha riconosciuto l’importante lavoro svolto e il percorso trasparente seguito da tutte le amministrazioni comunali coinvolte, sottolineando come la fusione rappresenti in entrambi i casi un’opportunità importante per i Comuni interessati, per i territori e per i cittadini.

In chiusura di dibattito Alan Fabbri (Ln) ha annunciato che la Lega farà campagna elettorale per il ‘sì’, mentre Andrea Bertani (M5s) ha espresso il voto favorevole dei 5 stelle.

(Luca Govoni)

Governo locale e legalità