Ambiente e territorio

Energia Rimini. Sensoli (M5s): subito un tavolo per avviare piani di innovazione tecnologica della rete elettrica

Nell’interrogazione la consigliera torna sulle interruzioni del servizio elettrico in Romagna e chiede all’esecutivo di attivarsi affinché vengano disposti i risarcimenti

“Aprire un tavolo di confronto con gli operatori della rete elettrica del territorio regionale per avviare piani di innovazione tecnologica che aumentino il livello di automazione e garantiscano linee più efficienti e resistenti”. È l’invito che Raffaella Sensoli (M5s) rivolge alla Giunta Regionale attraverso un’interrogazione che prende spunto dai disservizi avvenuti in Romagna, dove il servizio elettrico è andato in tilt tra Rimini, in particolare nei quartieri di Miramare e Rivazzurra, e la parte costiera a nord di Riccione.

Una maggior automazione, scrive la consigliera, servirebbe a “garantire il controllo da remoto degli impianti di rete e l’attivazione di nuovi tratti di rete elettrica che, collegati a quelli già in servizio, permettano di avere punti di alimentazione di riserva in caso di guasto”. Maggiori tecnologie oppure altre soluzioni per “evitare- rimarca Sensoli- l’interruzione di energia elettrica in particolare nel periodo di massimo afflusso turistico”.

La consigliera regionale, ricorda nelle premesse dell’atto ispettivo, che “le interruzioni non giustificate costituiscono atti di inadempimento da parte dell’ente somministratore” e che l’Autorità per l’energia elettrica, il gas e il sistema idrico “prevede indennizzi automatici” che dovrebbero essere “accreditati direttamente in bolletta senza necessità di alcuna richiesta”. Una situazione che “potrebbe non avvenire”, attacca Sensoli, perché “il fornitore di energia elettrica parla nei suoi comunicati di fatto eccezionale, di ondata di calore straordinaria, locuzioni che sembrano prevedere l’esonero da responsabilità e dunque l’esonero da risarcimenti”. Per questo chiede all’esecutivo regionale di “attivarsi affinché vengano disposti i risarcimenti automatici in bolletta agli utenti danneggiati”.

(Andrea Perini)

Ambiente e territorio