Imprese lavoro e turismo

Lavoro, Campedelli (Pd): “No a trasferimento dipendenti Sagemcom da Campogalliano al perugino”

Il consigliere dem chiede di convocare le parti ed evitare di fatto la chiusura dello stabilimento

Enrico Campedelli (Pd)

Convocare le parti interessate vista la situazione della Sagemcom, multinazionale francese che nello stabilimento di Campogalliano (Modena) produce contatori elettrici di ultima generazione, e che ha inviato una comunicazione formale ai sindacati e alle Rsu nella quale dichiara la volontà di trasferire tutta la produzione e i 34 lavoratori coinvolti a partire dal 26 novembre nello stabilimento di Città di Castello (Perugia), chiudendo lo stabilimento modenese. A portare la questione sul tavolo della giunta è il consigliere regionale del Partito democratico Enrico Campedelli.

“Il trasferimento a oltre 400 chilometri di distanza della produzione per i 34 lavoratori e le rispettive famiglie coinvolte – spiega il consigliere – è comprensibilmente insostenibile e implica di fatto il licenziamento collettivo di tutti i lavoratori della sede di Campogalliano”. Ma la chiusura dello stabilimento è pesante non solo per i dipendenti, ma anche per il territorio: “Ne causerebbe un evidente depauperamento e un impoverimento”. 

Dunque Campedelli chiede alla giunta “di convocare le parti, in accordo con le istituzioni locali, per favorire una soluzione che salvaguardi i livelli occupazionali e le professionalità e ripristini le condizioni perché lo stabilimento modenese continui a produrre”.

(Margherita Giacchi)

Imprese lavoro e turismo