Imprese lavoro e turismo

Lavoro Reggio. Torri-Taruffi (Si): aprire tavolo per evitare licenziamento dipendenti Ceva

Nell’atto ispettivo i due consiglieri di Sinistra italiana chiedono anche di conoscere “i dati della crisi del comparto”

Yuri Torri e Igor Taruffi (Sel)
Yuri Torri e Igor Taruffi (Sel)
Yuri Torri (Si)

Aprire un tavolo di confronto con tutti i soggetti coinvolti per evitare licenziamenti e garantire continuità lavorativa a tutti i dipendenti della Ceva Logistics e alle loro famiglie. Lo chiedono al governo regionale, con un’interrogazione, i consiglieri di Sinistra italiana Yuri Torri (primo firmatario) Igor Taruffi.

Una richiesta che arriva a seguito dello sciopero a oltranza indetto dai “quarantuno lavoratori della Ceva- si legge nell’atto ispettivo- dopo aver saputo che il 31 dicembre 2017 scadrà e sarà dismesso l’appalto che la multinazionale americana, la Procter and Gamble, ha affidato all’azienda reggiana nel 2010. I lavoratori non sanno quello che succederà del loro futuro
lavorativo dopo quella data”.

La Ceva Logistics di Gattatico (Reggio Emilia), collabora con la multinazionale americana dal 2005, gestendo prodotti home care. I consiglieri di Si ricordano nell’atto che “nessuna pronuncia arriva da parte dell’azienda e la cosa preoccupa molto i
lavoratori perché temono che l’intenzione sia quella di tacere fino a fine anno per poi ritrovarsi a casa”.

Torri e Taruffi prendo spunto dalla situazione della Ceva per conoscere anche “i dati delle crisi nel comparto logistico regionale, che sembrano essere in aumento”.

(Andrea Perini)

Imprese lavoro e turismo