Sanità e welfare

Sanità Bologna. Marchetti (Ln): Disguidi al Sumap delle quattro aziende sanitarie

Il consigliere del Carroccio chiede chiarezza anche sul possibile trasferimento di un nuovo dirigente amministrativo con incarico di responsabile delle risorse umane, senza che sia stato indetto alcun bando di concorso.

Il Sumap, il Servizio unificato metropolitano amministrazione del personale delle quattro aziende sanitarie bolognesi, al centro di un’interrogazione in Regione di Daniele Marchetti della Lega nord. Il consigliere del Carroccio punta il dito contro i disguidi causati dai sistemi di gestione del personale e sul possibile trasferimento di un nuovo dirigente amministrativo con incarico di responsabile delle risorse umane, senza che sia stato indetto alcun bando di concorso.

“Le voci che si stanno intensificando- spiega il consigliere Ln- vorrebbero l’arrivo di un nuovo responsabile al Sumap di Bologna al posto della dottoressa Maria Paola Gualdrini, senza aver lo stesso superato nessuna procedura comparativa e senza che la Usl di Bologna abbia emesso nessun bando per ricoprire tale importante incarico”. Inoltre Marchetti fa notare come l’integrazione allo stato attuale stia portando “notevoli problemi” tra cui cartellini errati dei dipendenti, errori nei calcoli pensionistici, differenze tra gli operatori con tempi di pausa diversi tra Ausl-Aosp-Ior, gestione delle pratiche che non rispettano i tempi di risposta nella pubblica amministrazione (30 giorni).

Alla luce di ciò chiede alla giunta se sia previsto un bando per sostituire eventualmente la dirigente Sumap, se ritiene ancora utile tale riorganizzazione e “se non sia il caso di attivare un tavolo di confronto con le parti sociali”. Chiede inoltre quale sia il giudizio dell’assessore regionale alla salute sulla situazione esposta e quali iniziative intenda adottare.

(Giulia Paltrinieri) 

Sanità e welfare