Guido Fanti, il riformista inflessibile