Sanità e welfare

Welfare Modena. Volontariato per richiedenti asilo. Bargi (Ln): coinvolgere anche operatori locali

Il consigliere critica l’iniziativa del Comune di Modena di promuovere un progetto per coinvolgere decine di richiedenti asilo in attività di volontariato

Stefano Bargi (Lega)

Un numero sempre più elevato di richiedenti asilo vengono inseriti, dal Comune di Modena, in attività di volontariato e a quanto dichiarato dalla Giunta comunale “si tratta solo dell’inizio di un progetto molto più ampio volto a coinvolgerne sempre di più”.

Il consigliere Stefano Bargi di Lega Nord Emilia-Romagna fa notare però come questi servizi “potrebbero benissimo essere forniti da aziende e operatori sociali del territorio, con sostegno al reddito locale” mentre al momento vengono affidati a “persone richiedenti asilo che però spesso non possiedono i requisiti necessari per ottenerlo”.

Il consigliere chiede quindi alla Giunta regionale “se e quando il comune di Modena abbia illustrato dettagliatamente il progetto di accoglienza annunciato, se la Regione ne sia già a conoscenza, quali siano i costi calcolati per questo progetto e se esistano altre società e associazioni locali che possano svolgere tali attività ad un minor costo”.

Bargi domanda anche se i migranti inseriti in questo progetto “facciano parte del modello dell’accoglienza diffusa o del sistema protezione richiedenti asilo e rifugiati (Sprar)”.

(Giacomo Barducci)

 

Sanità e welfare