COMUNICATO
Ambiente e territorio

Ambiente. Fdi: “Inserire nel piano energetico anche l’efficientamento dell’illuminazione pubblica”

Risoluzione e interrogazione di Fratelli d’Italia per sollecitare una revisione del piano ambientale ed energetico regionale

“Inserire nell’agenda della Giunta una tempestiva, urgente e opportuna revisione del Piano ambientale ed energetico regionale (Paer) anche in ordine ai fondi previsti dal PNRR”.

A porre la domanda all’esecutivo regionale è Fratelli d’Italia che, in un atto d’indirizzo e in uno ispettivo, sollecita un’azione concreta per razionalizzare la rete di illuminazione pubblica, servizio che “non solo rappresenta una delle massime voci di spesa all’interno dei bilanci delle Pubbliche amministrazioni che la gestiscono, ma anche una enorme fonte di consumo energetico e di inquinamento ambientale”.

Informando come ad oggi vi siano numerose e variegate tecnologie innovative di illuminazione a basso consumo, Fdi richiama l’illuminazione adattiva, i sensori di movimento, fotocellule e sensoristica avanzata, che “permettono di regolare il consumo energetico in base alla rilevazione del passaggio di persone e veicoli, e in base alle condizioni meteorologiche, senza ledere il livello di sicurezza necessario”.

Stante la situazione di grave crisi energetica e la conseguente necessità di tagliare drasticamente i consumi, la risoluzione e l’interrogazione sollecitano il rinnovo e la riqualificazione della rete dell’illuminazione pubblica sul territorio regionale, anche intervenendo con un’opera di aggiornamento del Piano ambientale ed energetico regionale.

Fratelli d’Italia, inoltre, sollecita la giunta “ad analizzare, insieme ai tecnici e ai soggetti competenti, il tipo di illuminazione pubblica attualmente utilizzata su tutto il territorio regionale e a individuare soluzioni di illuminazione alternative per diminuire il consumo energetico e l’impatto sull’ambiente”.

(Luca Boccaletti)

La comunicazione istituzionale del Servizio informazione dell’Assemblea legislativa della Regione Emilia-Romagna dal 21 luglio 2022 è soggetta alle disposizioni in materia di par condicio

Ambiente e territorio