COMUNICATO
Imprese lavoro e turismo

Lavoro Bologna. Facci (Lega) chiede tutele per i lavoratori della Me.Mo di Gaggio Montano

Il consigliere spiega che i 25 lavoratori dell’azienda, nata anche in risposta agli esuberi di Saeco-Philips e Stampi Group, “sono tutti sottoposti alla cassa integrazione speciale, la società non sarebbe infatti più nelle condizioni di garantire il prosieguo dell’attività lavorativa ed è quindi stata ipotizzata la chiusura”

Tutelare i lavoratori attivi nell’azienda di macchine automatiche per imballaggi Me.Mo (Meccanica Montagna) con sede nel comune bolognese di Gaggio Montano.

A chiederlo, con un’interrogazione rivolta al governo regionale, è Michele Facci della Lega, che, nel rilevare il fallimento delle politiche regionali rivolte alla montagna, chiede allo stesso esecutivo di garantire il sostegno al lavoro del territorio appenninico. Considerato, spiega il consigliere, “che la chiusura di una realtà produttiva creata proprio con l’obiettivo di riqualificare il territorio e riassorbire le maestranze reduci da precedenti crisi aziendali rappresenterebbe certamente, anche solo in via parziale, il fallimento della politica della Regione Emilia-Romagna in materia”.

Nell’atto si legge che la newco Me.Mo (partecipata dalle società Ima, Silmac e 3T) nasceva anche in risposta agli esuberi di Saeco-Philips e Stampi Group (azienda della montagna bolognese vittima di una grave crisi), con l’obiettivo di favorire la nascita di 50 posti di lavoro in tre anni anche attraverso investimenti pubblici per formare i dipendenti fuoriusciti dalle due imprese in crisi.

Obiettivo, però, rimarca il leghista, “mai raggiunto, tanto che attualmente alla Me.Mo sono rimasti 25 lavoratori, tutti sottoposti alla cassa integrazione speciale; la società, infatti, non sarebbe più nelle condizioni di garantire il prosieguo dell’attività lavorativa (anche per problemi sorti a seguito dell’emergenza sanitaria) ed è quindi stata ipotizzata la chiusura”.

Facci chiede quindi all’amministrazione regionale “quali iniziative intenda adottare, anche in via immediata, a tutela dei lavoratori Me.Mo”.

(Cristian Casali)

Imprese lavoro e turismo