Imprese lavoro e turismo

Piccinini (M5s): “no a cessione ramo azienda BolognaFiere”. Colla: “scelta dettata da calo attività”

La consigliera, in Aula, ha interrogato la Giunta “per capire le motivazioni che hanno spinto l’ente a questa scelta”

“Conoscere le ragioni che hanno portato BolognaFiere, ente di cui la Regione è socia (e nel quale i soci pubblici detengono la maggioranza delle quote), a procedere, proprio in questa fase pandemica, alla cessione del ramo d’azienda BF Servizi (sezione che gestisce le attività connesse alle manifestazioni, come allestimenti stand e organizzazione dei padiglioni)”.

È Silvia Piccinini (Cinquestelle), critica su questa iniziativa, a portare la questione in Aula.

Secondo l’esponente M5s “non sono facilmente comprensibili le ragioni che hanno determinato l’invio della lettera ai sindacati da parte di BolognaFiere, anzi appaiono in contrasto sia rispetto alla natura pubblica dei soci di maggioranza dell’ente in relazione alle prospettive di fusione con la Fiera di Rimini, che comporterà aggregazioni di capitali, strutture e vertici, mentre per i lavoratori si procederebbe, al contrario, a una disarticolazione degli organici e dei contenitori”.

L’assessore al Lavoro Vincenzo Colla, da parte sua, ha sottolineato come “non ci sia nulla dietro, mi sembra più che altro un’operazione all’interno di una discussione autonoma di un cda e che i lavoratori, tramite i sindacati, faranno le loro valutazioni.  BF Servizi è proprietà al 100 percento di BolognaFiere, è una società che al suo interno ha un gruppo che si occupa prevalentemente di servizi di allestimento. Nel 2019 il fatturato era di 50 milioni di euro, quest’anno sarà di 15 milioni. Credo che le ragioni della cessione risiedano in una scelta organizzativa, anche per rispondere al drammatico calo delle attività”.

Completamente in disaccordo Piccinini: “Non saprei nemmeno da che parte cominciare per rispondere all’assessore, sembra una decisione presa dalla stessa Giunta: Colla ha difeso a spada tratta quello che sta succedendo. Non ci sono giustificazioni per quello che si sta facendo a maggior ragione in vista dell fusione con Rimini. Credo che la Regione abbia il dovere di far pesare il suo ruolo, non indifferente, dentro BolognaFiere”.

(Margherita Giacchi)

Imprese lavoro e turismo