Assemblea

Patrick Zaki, in Assemblea regionale un ‘ritratto di parole’ per chiedere la scarcerazione

L’opera è stata realizzata dall’artista 31enne Francesca Grosso e donata dall’associazione romana ‘InOltre – Alternativa Progressista’. Presidente Petitti: “Patrick è un emiliano-romagnolo, ci batteremo per lui”

Il ritratto di Patrick Zaky esposto in Assemblea

Un ritratto di Patrick Zaki in Assemblea legislativa dell’Emilia-Romagna. Proprio il giorno dopo la decisione del tribunale egiziano di prorogare di 45 giorni la sua carcerazione in Egitto, nell’atrio del palazzo di viale Aldo Moro viene esposto da oggi il grande ritratto del giovane studente dell’Università di Bologna, fermato a Il Cairo a febbraio con l’accusa di propaganda contro lo Stato.

L’opera, realizzata da Francesca Grosso, artista romana 31enne di calligraphy art (arte espressa a parole) è stata donata all’Assemblea legislativa dall’associazione della capitale ‘InOltre – Alternativa Progressista‘ e lunedì alle 14 un gruppo di artisti dell’associazione sarà presente in viale Aldo Moro a inaugurare il ritratto per tenere sempre alta l’attenzione sulla vicenda.

“Abbiamo deciso di esporre questa opera – ha sottolineato la presidente dell’Assemblea legislativa Emma Petitti – dopo aver scritto nel maggio scorso una lettera all’ambasciatore italiano in Egitto per chiedere un’accelerazione dei tempi della scarcerazione. Patrick lo consideriamo a tutti gli effetti un emiliano-romagnolo e a tutti i livelli ci si deve impegnare perché sia liberato. Non ci arrenderemo finché non succederà”.

Il ritratto è composto dalle parole di una lettera tradotta in sedici lingue, scritta da ‘InOltre – Alternativa Progressista’ in collaborazione con Amnesty International, in cui si chiede maggiore attenzione al caso, ma soprattutto la scarcerazione dello studente, e inviata in 199 copie – una per ciascuno dei giorni di prigionia – al carcere di Tora, firmata da esponenti del mondo accademico e culturale, politici internazionali e associazioni per chiedere la sua liberazione. La lettera è stata firmata anche dalla presidente Emma Petitti.

Assemblea