Ambiente e territorio

Zamboni (EV): fare chiarezza su discariche bolognesi di Castel Maggiore e Valsamoggia

Le rassicurazioni della Giunta che comunica che si va verso la bocciatura della proposta di una nuova struttura in Valsamoggia

Perché, nonostante gli obiettivi indicati nei vari piani regionali di gestione rifiuti e quello per la bonifica delle aree inquinate 2022-2027 e gli ottimi risultati annunciati dalla Giunta nella gestione dei rifiuti solidi urbani, sia stato autorizzato l’ampliamento della discarica di Castel Maggiore la cui chiusura era prevista fin dal 2018? L’iter relativo al progetto di discarica nel comune di Valsamoggia è arrivato a termine e, in caso affermativo, con quale esito?

Silvia  Zamboni (Europa Verde) interroga così la Giunta sull’autorizzazione concessa dalla Regione all’ampliamento della discarica di Castel Maggiore e alla richiesta per il progetto di discarica in Valsamoggia, entrambe in provincia di Bologna. L’oggetto è stato discusso in mattinata in commissione Territorio, ambiente e mobilità, presieduta da Stefano Caliandro.

Per la consigliera “serve chiarezza su ciò che la Regione vuole fare sulla discarica in Valsamoggia e sull’ampiamento di quella di Castel Maggiore”.

Temi a cui, a nome dell’amministrazione regionale, risponde l’assessora all’Ambiente Irene Priolo, per la quale “come ho già avuto modo di rispondere in questa sede agli stessi quesiti ricordo che nella discarica di Castel Maggior non è ammesso smaltimento rifiuti organici, ma rifiuti specifici che non possono essere trattati altrimenti che in discarica”. Priolo evidenzia come l’ampliamento servirebbe a smaltire il surpluss di rifiuti speciali prodotta in Emilia-Romagna negli ultimi anni calcolato in circa 2 milioni di tonnellate, ma il tutto è compatibile con le norme e i piani vigenti. Per quanto riguarda Valsamoggia, invece, l’orientamento che è emerso è quello di bocciare la proposta di realizzazione di una nuova discarica. “Come si vede la Giunta opera in maniera oggettiva e tenendo conto delle norme vigenti e della sostenibilità ambientale”, spiega Priolo.

Zamboni, alla luce delle parole di Priolo, si dice soddisfatta perché “il no alla discarica in Valsamoggia è molto positivo: è una buona notizia per i cittadini e per Europa Verde”. Diverso, invece, il parere su Castel Maggiore: “Purtroppo  – sottolinea Zamboni – la conferma del fatto che la discarica verrà ulteriormente ampliata non è una bella notizia, visto anche come i cittadini sono preoccupati e contrari”.

(Luca Molinari)

 

Ambiente e territorio