Governo locale e legalità

Bilancio. Regione: commissione Bilancio licenzia pdl per interventi urgenti

Calvano (Pd) presenta emendamento a legge elettorale: “firme dimezzate per presentazione liste nelle circoscrizioni ed esonero per forze politiche corrispondenti a gruppi presenti in Assemblea legislativa”

La commissione Bilancio, affari generali e istituzionali, presieduta da Massimiliano Pompignoli, ha licenziato il progetto di legge contenente “Misure urgenti per la definizione di interventi da avviare nell’esercizio finanziario 2019”, di cui è relatore Gianni Bessi (Pd). La proposta legislativa detta disposizioni per la definizione di interventi da avviare con tempestività nell’esercizio 2019 in alcuni settori dell’ordinamento regionale. Al testo sono stati presentati 9 emendamenti: 3 sottoscritti da Pd, Fi, Si e Prodi (Misto), approvati; 2 del M5s, uno di Silvia Piccinini, di natura formale, approvato, e uno di Andrea Bertani, ritirato; infine, 4 di Fdi, respinti.

In tema di interventi a favore dei risparmiatori danneggiati dalle crisi bancarie, Paolo Calvano (Pd) ha annunciato la presentazione in Aula di un emendamento per estendere anche agli azionisti il contributo per l’avvio delle pratiche di rimborso, secondo quanto previsto dalla legge nazionale. Il dem, inoltre, per motivare il ‘no’ della maggioranza all’emendamento di Michele Facci (Fdi), finalizzato a eliminare l’obbligo di presentare alla Regione le richieste di rimborso spese, da parte dei risparmiatori truffati aventi diritto, per l’avvio delle pratiche di ricorso, esclusivamente tramite le associazioni dei consumatori iscritte nel registro regionale, ha spiegato che le Regioni, come il Veneto, che inizialmente avevano percorso la strada della presentazione diretta da parte dei risparmiatori ricorrenti, sono andante in tilt, optando per la soluzione adottata dall’Emilia-Romagna. Calvano, inoltre, ha ribadito che le richieste di risarcimento possono essere compilate da una pluralità di soggetti (avvocati, commercialisti, etc) e che le associazioni dei consumatori fungono da semplice collettore delle domande di rimborso spese (100euro ognuna) da inoltrare alla Regione.

In materia elettorale, sempre Calvano ha illustrato i tre emendamenti sottoscritti con Andrea Galli (Fi), Igor Taruffi (Si) e Silvia Prodi (Misto). La ratio – ha spiegato – è dimezzare le firme necessarie per presentare le liste elettorali nelle circoscrizioni (il numero varia a seconda della popolazione residente e, di conseguenza, degli aventi diritto al voto), esonerando dalla presentazione delle firme di sottoscrizione le liste espressione di forze politiche o movimenti corrispondenti ai gruppi consiliari presenti nell’Assemblea legislativa regionale, ad esclusione del gruppo misto. “Si tratta- ha precisato Calvano- di adeguare la legge elettorale dell’Emilia-Romagna a quanto prescrivono la legge elettorale per l’elezione delle Camere e la quasi totalità delle leggi elettorali dei vari Consigli regionali”.

Infine, è stato ritirato dallo stesso proponente, Andrea Bertani (M5s), un emendamento finalizzato allo stanziamento di un contributo straordinario (200mila euro) per le celebrazioni del bicentenario della nascita di Pellegrino Artusi. Il relatore Bessi, infatti, ha spiegato che, mancando un apposito capitolo nel bilancio della Regione, occorre prima prevederlo nella legge finanziaria regionale per il 2020, in corso di stesura. Un invito a trovare in tempi rapidi una soluzione tecnica è stato formulato da Paolo Zoffoli (Pd), che ha ricordato come lo stanziamento del contributo fosse subordinato alla presentazione di un progetto relativo alle iniziative celebrative, da poco predisposto.

(Luca Govoni)

Governo locale e legalità