COMUNICATO
Ambiente e territorio

Ambiente. Istruttoria Anac su affidamenti Hera e attività di controllo, Bignami (Fi): come reagisce la Regione?

In un’interrogazione il consigliere sollecita un “reale ruolo di controllo” da parte di Atersir

“Quali saranno le reazioni della Regione rispetto agli esiti dell’istruttoria realizzata dall’Autorità nazionale anticorruzione su tre anni di appalti in capo ad Hera e alla sua controllata Herambiente nel settore della gestione del servizio integrato rifiuti?”

È quanto chiede Galeazzo Bignami (Fi) in un’interrogazione alla Giunta regionale con particolare riferimento al ruolo di regolazione e vigilanza che, secondo quanto previsto dalla legge regionale 23/2011, spetta alla Regione.

“L’istruttoria dell’Anac – segnala Bignami – si sarebbe soffermata su affidamenti che non sarebbero stati improntati ai principi di libera concorrenza”. L’Autorità avrebbe evidenziato un “rilevante ricorso a procedure ad affidamenti non ad evidenza pubblica in particolare negli anni 2013 e 2014 con importi medi per affidamento anche superiori a 1.000.000 di euro, spesso dovuti al rinnovo, espresso in sede di bando di affidamento originario,” e che “nel caso di Herambiente è quindi possibile affermare che le procedure non ad evidenza pubblica sono in pratica lo strumento ordinario per l’affidamento di contratti di lavori, servizi e forniture”. A fronte di tali rilievi – riferisce poi il capogruppo di Forza Italia – “l’Anac sembra inoltre richiamare l’Atersir a una maggiore attività di controllo che deve concentrarsi anche sulle caratteristiche dei subaffidamenti che devono essere effettuati nel rispetto delle procedure previste dal Codice degli appalti vigente pro tempore”.  l’Anac avrebbe poi analizzato anche “il regime di ‘prorogatio’ delle convenzioni”, evidenziando come “la relazione dell’Atersir presenti alcune problematiche di ‘sistema’”.

Il consigliere chiede pertanto “in che modo e con quali tempistiche si intenda intervenire per investire Atersir di un reale ruolo di controllo rispetto alle vicende evidenziate”.

 

(Isabella Scandaletti)

Ambiente e territorio