COMUNICATO
Scuola giovani e cultura

Cultura. Contributi per formazione musicale, beni e attività culturali: sì dalla Commissione

Stanziamenti dalla Regione in programma per Accademia Internazionale di Imola, Chiesa di San Francesco del Prato di Parma, Villa Emma di Nonantola, per i cento anni dalla nascita di Federico Fellini e di Tonino Guerra, Fondazione Teatro Comunale di Modena. Ok anche a contributo per Terme Alte di Porretta Terme

Approvato in Commissione cultura, scuola, formazione, lavoro, sport e legalità, presieduta da Giuseppe Paruolo, il progetto di legge sugli interventi straordinari nei settori dell’alta formazione musicale, dei beni e delle attività culturali con il sì del Partito democratico, Sinistra italiana e Altra Emilia-Romagna e l’astensione di Lega Nord e Fratelli d’Italia.

Relatore del pdl di otto articoli, Enrico Campedelli (Partito democratico) che ha sottolineato la necessità di approvare quanto prima il progetto per procedere al più presto agli stanziamenti.

Alta formazione musicale. Il primo di questi interventi riguarda il sostegno alla Fondazione Accademia Internazionale di Imola-Incontri con il Maestro, alla quale viene riconosciuto un contributo straordinario di 200mila euro all’anno (fino al 2021). La Regione si impegnerà, dunque, a rendere equipollente alla laurea il titolo riconosciuto dall’Accademia a seguito dei corsi di durata triennale e biennale. “La scuola, nata 30 anni fa,” spiega Campedelli, “rappresenta un unicum nel panorama musicale d’Italia e raccoglie eccellenze e talenti”.

Soddisfatta la consigliera Francesca Marchetti (Partito democratico): “Arriviamo con un po’ in ritardo a riconoscere il l’importanza che questa scuola vanta nel panorama internazionale, ma finalmente siamo in grado di valorizzarla in modo adeguato”.

Beni culturali. Per quanto riguarda questo settore sono in programma due contributi. Il primo di 500mila euro da erogare nel 2019 per il restauro della Chiesa di San Francesco del Prato di Parma. “Parma”, ricorda Campedelli, “sarà la capitale della cultura nel 2020. Per questo si è deciso di valorizzare questa chiesa gotica che fino al 1992 è stata un carcere e versava in stato di abbandono. Ora si darà il via a un progetto di recupero e restauro in modo da restituirla ai cittadini e renderla visitabile per il prossimo anno ai turisti”. “La chiesa di San Francesco si inserisce in maniera strategica nel programma di Parma capitale della cultura 2020”, ribadisce Massimo Iotti (Partito democratico). “Si tratta di un bene importantissimo di proprietà del demanio, dato in concessione alla diocesi, che ora potrà tornare a rivivere”. Iotti sottolinea anche come l’aumento di contributi della Regione alla cultura abbia dato un significativo impatto all’attrattività del territorio. Soddisfatta anche Barbara Lori (Partito democratico): “Si tratta di un luogo prezioso nel cuore della città e di un progetto fortemente voluto dai cittadini che hanno lanciato, tramite un comitato, anche una campagna di crowdfunding per sostenerlo”. Per questo, secondo la dem, si tratta di “una scelta che sicuramente la comunità saprà apprezzare, perché trova convergenza e sintonia con la città”.

Altro contributo straordinario di 1,2 milioni è previsto per la realizzazione del memoriale dedicato a Villa Emma a Nonantola. “Uno dei luoghi della memoria più importanti, entrato nella storia perché nel 1942 ha ospitato e salvato la vita a una settantina di ragazzi ebrei” spiega Campedelli. La fondazione si occupa di ricerca e iniziative legate alla memoria, come il concorso per il memoriale. Il progetto vincente verrà dunque realizzato con il contributo della Regione.

Attività culturali. Altri contributi sono previsti per la celebrazione dei cento anni dalla nascita di Federico Fellini e di Tonino Guerra. Nel 2019 vengono destinati 200mila euro al Comune di Rimini per il centenario del grande cineasta e nel 2020 saranno stanziati 100mila euro al Comune di Pennabilli e al Comune di Santarcangelo di Romagna per le iniziative dedicate al poeta e autore.

Sarà riconosciuto anche un contributo di 260mila euro da spartire nel triennio a favore della Fondazione Teatro Comunale di Modena e della Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia per sviluppare la ripresa e la trasmissione in formato digitale delle produzioni liriche e la realizzazione in via sperimentale di un cartellone regionale di opere liriche in
streaming.

Accolto un emendamento proposto da Igor Taruffi (Sinistra italiana) che chiede uno stanziamento di 100mila euro per il restauro della Sala Bibita delle Terme Alte di Porretta Terme. “Grazie a questo pdl possiamo rendere concreta la risoluzione approvata all’unanimità lo scorso 29 marzo” spiega.

Interviene Fabio Callori (Fratelli d’Italia): “Dall’alta formazione musicale alle attività culturali, questo pdl inizia a Parma e finisce in Romagna. Purtroppo Piacenza non è stata contemplata e visto che farà parte delle manifestazioni legate a Parma città della cultura sarebbe doveroso dedicarle un’attenzione particolare”.

Campedelli ricorda che sia a Piacenza che a Reggio Emilia andranno 250mila euro proprio per l’iniziativa di Parma città della cultura. Anche Manuela Rontini (Partito democratico) interviene: “Io non metterei la questione sul piano di ripartizione territoriale, si tratta di una valorizzazione che accomuna tutto il territorio”.

“Il patrimonio di Federico Fellini non è solo di Rimini, ma di tutta la Regione e del mondo intero” aggiunge Nadia Rossi (Partito democratico). “L’attività che verrà finanziata aiuterà a valorizzare la sua figura e le sue opere, che, come quelle di Tonino Guerra, sono conosciute da tutti”.

(Francesca Mezzadri)

Scuola giovani e cultura