COMUNICATO
Assemblea

Frangimondi, una scuola di politiche per l’infanzia e l’adolescenza. Oggi si è svolto il primo incontro

L’Assemblea legislativa della Regione Emilia-Romagna, grazie al Centro Alberto Manzi e alla Garante per l’infanzia e l’adolescenza, promuove un ciclo di 11 incontri dedicati a tutti coloro che lavorano a contatto con bambine e bambini, ragazze e ragazzi o che comunque pensano, progettano e realizzano attività dedicate all’infanzia e all’adolescenza

Frangimondi, una scuola di politiche per l’infanzia e l’adolescenza. Il suo nome vorrebbe evocare le opere frangiflutti che proteggono i porti e rendono sicuri gli attracchi, ma anche i mondi rotti in cui stiamo cercando sensi nuovi e antichi, intrecci buoni per ripartire con una rinnovata sensibilità e competenza.

L’Assemblea legislativa della Regione Emilia-Romagna, grazie al Centro Alberto Manzi e alla Garante per l’infanzia e l’adolescenza, promuove un ciclo di 11 incontri dedicati a tutti coloro che lavorano a contatto con bambine e bambini, ragazze e ragazzi o che comunque pensano, progettano e realizzano attività dedicate all’infanzia e all’adolescenza.

Il primo incontro introduttivo si è svolto il 30 marzo. Moderati da Alessandra Falconi del Centro Alberto Manzi, sono intervenuti l’Autorità garante per l’infanzia e l’adolescenza Carla Garlatti, la presidente dell’Assemblea legislativa Emma Petitti e l’europarlamentare Elisabetta Gualmini, oltre alla Garante regionale dell’infanzia Clede Garavini. 

“L’emergenza sanitaria legata al Covid ha rivoluzionato le nostre vite e sicuramente fra i più penalizzati ci sono bambine e bambini: hanno dovuto rinunciare alla scuola in presenza, alle relazioni, alla socialità, a quegli spazi di libertà che nella fase dell’infanzia sono fondamentali. Per questo sono particolarmente entusiasta di Frangimondi, la scuola di politiche per l’infanzia che ci accompagnerà da qui al prossimo anno con tante iniziative, il cui obiettivo è capire le esigenze dei più piccoli e dotare di giusti strumenti chi lavora in prima linea con bambine e bambini”. Così Emma Petitti, presidente dell’Assemblea legislativa, nel suo intervento.

“Ringrazio i promotori- ha proseguito la presidente- il Centro Manzi e la Garante per l’infanzia, due preziose realtà dell’Assemblea legislativa che conoscendo in maniera approfondita queste tematiche grazie all’esperienza sul campo, danno vita a iniziative e strumenti innovativi per affrontare le sfide nuove e complesse che dovremo affrontare nei prossimi mesi. Perché i bambini rappresentano il futuro delle nostre comunità e perché qui in Emilia-Romagna abbiamo sempre saputo fare da apripista sul tema dei servizi educativi per l’infanzia. E credo che dobbiamo avere l’orgoglio di continuare a farlo, anche rimodellandoci e ridisegnando le nostre politiche a seguito di un momento complicatissimo come quello che stiamo vivendo”.

Alla presidente Petitti ha fatto eco Clede Garavini, Garante regionale dell’Infanzia: “Occorre ripensare a tutto il sistema delle risposte al mutamento degli stili di vita causato dalla pandemia, specie a carico dei minori, collegandole e integrandole fra loro (scuola, cultura, attività sportive e ricreative, etc). E’ essenziale un ascolto puntuale dei bambini e dei ragazzi da parte degli adulti, a partire dagli adulti di riferimento, per capire cosa è avvenuto in loro e quali abilità siano stati in grado di attivare. Come Istituto di Garanzia continueremo ad impegnarci nell’ascolto diretto di bambini e adolescenti”.

I successivi incontri, con cadenza mensile, saranno ispirati ad alcuni diritti dei bambini e vedranno la partecipazione ogni volta di due relatori principali, professionisti che nelle diverse regioni italiane, con ruoli diversi, si occupano di politiche per bambini, bambine e adolescenti e che metteranno a disposizione alcune delle cose che hanno imparato e sperimentato, così da fornire idee e strumenti che ogni partecipante potrà poi personalizzare a suo modo.

Il progetto, il calendario, le proposte, le info per partecipare su: https://www.frangimondi.it

Assemblea