COMUNICATO
Infrastrutture e trasporti

Infrastrutture Bologna. Chiusura galleria del Signorino, Taruffi (ER Coraggiosa): “Programmare con attenzione i lavori o il traffico va in tilt”

Il consigliere porta ancora sul tavolo della Giunta i disagi della Porrettana: “Conoscere cronoprogramma dei lavori”

Il consigliere regionale di Emilia-Romagna Coraggiosa Igor Taruffi solleva nuovamente, con un’interrogazione rivolta al governo regionale, il tema della difficile situazione collegata alla circolazione sulla Porrettana, parlando anche dei disagi che potrebbe causare la chiusura della galleria del Signorino. E chiede, in particolare, all’esecutivo di “aprire un confronto con la Regione Toscana per far fronte ai disagi derivati dalla manutenzione straordinaria” su quella strada e vuole sapere “come intenda ridurre i disagi causati dall’eventuale interruzione della circolazione della galleria del Signorino”. Ma non solo: Taruffi chiede all’esecutivo di viale Aldo Moro anche se “esista una progettazione esecutiva dell’intervento di manutenzione straordinaria per la galleria e, eventualmente, con quale cronoprogramma e se non ritenga opportuno intervenire con Anas per chiedere maggiori informazioni per organizzare nel migliore dei modi la viabilità da e per l’Emilia-Romagna”.

I motivi che spingono Taruffi a presentare l’interrogazione partono dalla notizia annunciata da Anas, in una videoconferenza convocata dal prefetto di Pistoia, alla presenza dei sindaci di Pistoia e Sambuca Pistoiese, di sottoporre a un intervento di manutenzione straordinaria la statale 64 Porrettana, precisamente dove c’è la galleria in località Signorino.

Un percorso diverse volte chiuso per le numerose frane che quel territorio subisce, tanto che “la strada in questione – ricorda Taruffi – è stata interessata da un movimento franoso a causa del maltempo fra le località di Pavana e Ponte della Venturina, che ha causato la sospensione della circolazione durante 9 mesi tra il febbraio e il novembre 2019”. Per questo, il consigliere di ER Coraggiosa chiede un intervento della Giunta regionale, programmando in tempo gli interventi di manutenzione, visto che “le arterie di collegamento tra la città metropolitana di Bologna e la provincia di Pistoia, nei tratti che attraversano i territori montani, subiscono frequentemente interruzioni a causa del dissesto idrogeologico”.

(Margherita Giacchi)

Infrastrutture e trasporti