COMUNICATO
Infrastrutture e trasporti

Infrastrutture. Tagliaferri (Fdi): “Quali gli effetti della crisi di Governo sull’Emilia-Romagna?”

Dal passante di Bologna al ponte Lenzino a Piacenza, il consigliere chiede alla Giunta di prendere posizione

La crisi del Governo Conte bloccherà il passante di Bologna o la bretella di Campogalliano? Il ponte Lenzino e la statale 45 a Piacenza? Quali sono gli effetti del ritiro delle ministre di Italia viva dall’esecutivo sull’Emilia-Romagna?

A chiederlo, in un’interrogazione, è Giancarlo Tagliaferri (Fdi). Per il consigliere “l’Emilia-Romagna teme gli effetti della crisi di Governo su partite come il piano vaccini e il Recovery fund. Preoccupazione, forse anche paura, per le conseguenze di una crisi di Governo ‘al buio’ che l’Emilia-Romagna, come ha più volte ribadito il governatore Stefano Bonaccini, sperava non si accendesse. Ai piani alti di viale Aldo Moro c’è apprensione sugli effetti che lo strappo di Matteo Renzi, con le dimissioni delle ministre di Italia viva dal Governo, avrà su due partite fondamentali di queste settimane: il piano vaccini e il Recovery fund”.

Da qui l’atto ispettivo per sapere dall’esecutivo regionale “se pensa possa influire circa i grandi lavori, sulle infrastrutture come il passante di Bologna, la Bretella di Campogalliano o come il ponte Lenzino e la statale 45 a Piacenza, e se pensa che il blocco dei ristori statali possano avere conseguenze anche su quelli annunciati dalla Regione”.

(Luca Molinari)

Infrastrutture e trasporti