COMUNICATO
Assemblea

Lo Statuto della Regione Emilia-Romagna compie 50 anni

Una mostra e visite guidate ai luoghi storici del nostro Ente. Un percorso di storia, cultura e autonomia attraverso documenti e immagini. Si inaugura lunedì 14 giugno alle 11 alla presenza della presidente dell’Assemblea legislativa Emma Petitti e del presidente della Regione Stefano Bonaccini

Un cammino di conoscenza sulla nascita della Regione, a seguito delle elezioni del 7 giugno 1970, attraverso testi, documenti, personaggi, fotografie, opere d’arte. Sono i contenuti dell’esposizione storico-documentale “Lo Statuto della Regione Emilia-Romagna compie 50 anni“, con la quale l’Assemblea legislativa celebra la ricorrenza nel cinquantesimo anniversario dell’adozione del primo Statuto della Regione Emilia-Romagna. La mostra si inaugurata lunedì 14 giugno alla presenza della presidente dell’Assemblea Emma Petitti e del presidente della Regione Stefano Bonaccini ed è visitabile sino al 16 luglio negli spazi espositivi di via Aldo Moro 50. La celebrazione avviene nella stessa giornata in cui lo Statuto fu pubblicato sul Bollettino Ufficiale della Regione, il 14 giugno 1971, a seguito dell’approvazione della Legge n. 342 del 22 maggio 1971, a norma della Costituzione.

La presentazione dell’esposizione spazia dalle parole del semiologo riminese Paolo Fabbri sul pannello introduttivo, “Per vivere il presente si può guardare ai problemi del futuro con le risorse certe del passato”, alla clip delle immagini, pubblicizzate per la prima volta, dei consiglieri regionali e degli eventi istituzionali che hanno contraddistinto l’attività di questa Regione, provenienti dall’Archivio fotografico dell’Assemblea legislativa, collocato presso la Biblioteca dell’Ente, fino al video L’Emilia-Romagna raccontata da Carlo Lucarelli.

Fra gli oggetti d’arte e documentali sono esposti: la ceramica Emilia-Romagna di Carlo Zauli realizzata in 400 esemplari per conto del Consiglio regionale nel 1995; la scrivania dell’Anonima Castelli del 1970, uno dei primi elementi d’arredo acquistati dal Consiglio regionale, il tavolo Doge di Carlo Scarpa realizzato per Simon Gavina negli anni settanta, i plastici di Kenzo Tange di “Fiera district”; la scultura di Nicola Zamboni Le valigie di cartone degli emiliano-romagnoli nel mondo; l’opera di Aldo Borgonzoni, Ritratto di Sergio Cavina 1982, consigliere regionale nel 1970 e presidente delle Giunta regionale nel 1976; le foto dell’archivio Leone Pancaldi e dell’Assemblea legislativa; la prima scheda elettorale originale delle elezioni regionali del 1970, i giornali del 1970 e 1971, la cartolina celebrativa numerata in 200 copie.

Oltre alla realizzazione dell’esposizione, per celebrare il 50° anniversario dalla nascita della Regione, sono previsti altri eventi collaterali, tre visite guidate alle aule assembleari storiche della Regione: Palazzo Malvezzi in via Zamboni, prima sede dell’allora Consiglio regionale (dal 1970 al 1974), lunedì 21 e martedì 22 giugno dalle 16.30 alle 18.30; palazzo della Regione di Viale Silvani, seconda sede della Regione (dal 1975 al 1992), nella giornata di sabato 19 giugno dalle 10 alle 12; l’attuale sede dell’Assemblea legislativa (dal 1993) in viale Aldo Moro 50, sabato 26 giugno dalle 10 alle 12.

La mostra è visitabile dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 18, esclusi i festivi. I visitatori possono accedere gratuitamente all’esposizione e alle visite guidate, ma occorre la prenotazione telefonando ai numeri 051.5275768 051.5275816 o scrivendo una mail a gabinettopresidenteal@regione.emilia-romagna.it. Nel rispetto delle normative anti-Covid occorre entrare con la mascherina e misurare la temperatura al termoscanner posto all’ingresso.

Si ringraziano tutto coloro che a vario titolo hanno collaborato e permesso questa celebrazione, in particolare:

Associazione Nazionale Comuni Italiani (ANCI) Emilia-Romagna

Archivio Istituto Parri

Archivio Leone Pancaldi – Ordine Architetti di Bologna

Archivio storico città metropolitana di Bologna

Archivio storico della Regione Emilia-Romagna

Biblioteca dell’Assemblea legislativa della Regione Emilia-Romagna

Biblioteca comunale dell’Archiginnasio di Bologna

Biblioteca giuridica della Regione Emilia-Romagna

Città metropolitana di Bologna

Comune di Monzuno

Comune di Lama Mocogno

Unione nazionale Comuni Enti Montani (UNCEM) Emilia-Romagna

Unione Province Italiane (UPI) Emilia-Romagna

Bezzi Gabriele, Responsabile Servizio Archivio storico Regione Emilia-Romagna

Bongiovanni Maria Letizia, Responsabile Servizio Archivio Città metropolitana di Bologna

Draghetti Leonardo – Direttore generale dell’Assemblea legislativa

Ligori Antonio, già Responsabile dei lavori di Finanziaria Bologna Metropolitana

Lucenti Anna-Lisa, Cerimoniale del Sindaco città metropolitana di Bologna

Pancaldi Mariarosa, figlia di Leone Pancaldi

Pasini Giovanni Battista, Sindaco del Comune di Lama Mocogno

Pastore Luca e Roberto Lanzarini, Funzionari dell’Archivio Istituto Parri

Plessi Luana, Direttrice Upi Emilia-Romagna

Pavesi Ermanno, Assessore del Comune di Monzuno

Romagnoli Monica, Uncem Emilia-Romagna

Ricci Antonella, già Presidente di Finanziaria Bologna Metropolitana

Ricciardi Denise, Direttrice Anci Emilia-Romagna

Rositano Giuseppina, P.O. coordinamento e assistenza tecnico giuridica allo svolgimento delle sedute assembleari Servizio Aula, Assemblea legislativa

Vincenzi Daniele, Ordine degli Architetti di Bologna

Vinci Giuseppe, già dirigente servizio studi, Assemblea legislativa

Voltan Anna, già Dirigente Servizio “Affari legislativi e coordinamento commissioni assembleari”

Il personale e i Servizi dell’Assemblea legislativa e della Giunta regionale che a vario titolo hanno collaborato alla realizzazione dell’evento.

Assemblea