COMUNICATO
Assemblea

Strage Bologna. Più di mille in piazza Renzo Imbeni per “Un’altra vita”, ovazioni per Matteo Belli e Horst Mader che perse i figli

Una folla di cittadini per il monologo sui sopravvissuti che chiude la trilogia iniziata col Cantiere 2 agosto. Saliera: “Un’elettricità tra noi, rivivere il dolore fa parte della memoria”. E per chi si è perso l’evento stasera in onda alle 21 su E’tv-Rete 7

Seduti sulle sedie ma anche sui gradini. Tutti in piedi per Horst Mader, giunto dalla Germania dopo 38 anni di assenza da Bologna, dove il 2 agosto del 1980 perse la moglie e due figli. E che ricambia con un lungo inchino l’abbraccio ideale della città. E di nuovo in piedi alla fine a spellarsi le mani dopo oltre un’ora del torrenziale, potentissimo monologo con cui Matteo Belli ha ricordato i sopravvissuti della strage. Ancora una volta, la terza in tre anni- e confermarsi non è mai facile- i cittadini hanno premiato le iniziative dell’Assemblea legislativa della Regione Emilia-Romagna per la ricorrenza del disastro in stazione del 1980, che 39 anni fa fece 85 morti e 200 feriti.

Proprio di chi è sopravvissuto parla Un’altra vita, ideato dall’attore e regista teatrale bolognese Matteo Belli con la consulenza storica di Cinzia Venturoli su proposta del parlamento regionale presieduto da Simonetta Saliera. L’obiettivo era tenere alta la tensione e la partecipazione su uno dei fatti di sangue più gravi dal dopoguerra in Europa. Con la speranza di arrivare a una verità storica e soprattutto giudiziaria ancora da definire. Nel 2017 lo chiesero in 10 mila per le strade di Bologna assieme ai narratori del Cantiere 2 agosto, che stamattina tornano nel corteo dal Comune alla stazione per raccontare la vita delle vittime. L’anno scorso furono un migliaio a raggiungere piazza Renzo Imbeni, di fronte alle torri della Regione, per Sinfonia di soccorsi, dedicato appunto ai soccorritori.

Ieri sera erano ancora di più a gremire l’anfiteatro naturale ricavato davanti alle torri di Kenzo Tange per ascoltare Belli rimasticare le vite di chi ce l’ha fatta. Di chi ha vissuto e di chi si è lasciato vivere. Un successo che fa dire alla presidente Saliera che si è trattato di “un monologo molto forte, emozionante per chi allora non c’era ma anche per i tanti testimoni che stasera (ieri sera, ndr) sono qui con noi. C’era un’elettricità tra noi che abbiamo ascoltato le parole di Belli- ha concluso la numero uno del parlamento regionale- abbiamo rivissuto con lui il dolore, che fa parte della memoria”.

Alla serata, che andrà in onda stasera alle 21 su E’tv-Rete 7 (canale 10) ha partecipato anche il presidente dell’associazione dei famigliari delle vittime Paolo Bolognesi. Lo spettacolo dell’Assemblea? “E’ stata una lezione di vita. La sofferenza ha portato le persone a rinascere. Le vittime della strage sono profondamente cambiate e hanno contribuito a divulgare la voglia di avere giustizia”.

Confuso tra il pubblico (oltre ai narratori anche il vicesindaco di Bologna Marilena Pillati e il capogruppo Pd in Regione Stefano Caliandro) anche il politologo dell’Università di Bologna ed editorialista Piero Ignazi. “Il ricordo dei vivi entra in profondità nel sentimento popolare e questo aiuta ancora di più a capire la dimensione di questa tragedia”.

(Marco Sacchetti)

Assemblea