COMUNICATO
Governo locale e legalità

Tariffe acqua. Paruolo (Pd): tornare a “bollette” che tengano conto numero delle persone domiciliate

Un’interrogazione del consigliere Democratico invita a cambiare il modo di calcolo tenendo conto anche di studenti e lavoratori fuorisede

Tornare ad applicare le tariffe dell’acqua che tengono conto del reale numero delle persone domiciliate nei singoli appartamenti, compresi studenti e lavoratori fuorisede.

A chiederlo, in un’interrogazione, è il consigliere Giuseppe Paruolo (Pd), che ricorda come il territorio bolognese sia stato fra i primi a fare da apripista a questa modalità di calcolo delle “bollette” dell’acqua, mentre negli ultimi anni si è tornati ad applicare la tariffa puntuale alle persone solo residenti.

Da qui l’atto ispettivo per sapere dall’esecutivo regionale “se nell’applicazione della tariffa pro-capite estesa a studenti fuorisede e lavoratori stagionali siano emerse criticità che abbiano suggerito l’adeguamento ai criteri tariffari, meno avanzati di quelli già vigenti localmente, introdotti dell’ARESA col TICSI nel 2017, e in ogni caso quali siano state le motivazioni per giungere tale decisione e se condivida il giudizio positivo sul sistema di tariffazione dell’acqua per uso domiciliare basato su fasce di consumo pro-capite, esteso non soltanto ai residenti ma anche agli studenti iscritti all’Università e domiciliati nel territorio con un regolare contratto d’affitto e ad altre categorie quali i lavoratori stagionali. Se cioè tale sistema, adottato nel territorio metropolitano bolognese dal 2011, fosse più avanzato di quello successivamente introdotto a livello nazionale col TICSI del 2017”.

Paruolo chiede inoltre alla Giunta “quali iniziative intenda assumere per favorire il ripristino di queste misure nella tariffazione dell’acqua ad uso domestico nel territorio metropolitano bolognese, come pure l’estensione di tali misure ad altre aree del territorio regionale, e infine per proporle nel contesto nazionale anche attraverso la Conferenza Unificata Stato-Regioni, o quali altre azioni intenda intraprendere per evitare le grandi discriminazioni che sono oggi possibili a danno degli studenti fuorisede o altre persone domiciliate nel nostro territorio in relazione alle tariffe idriche”.

(Luca Molinari)

Governo locale e legalità