COMUNICATO
Sanità e welfare

Welfare. Lega: usare le graduatorie degli infermieri per trovare personale per le Rsa

“Durante le fasi più acute della pandemia, grazie ad appositi accordi, il personale delle Ausl andò in supporto alle strutture sociosanitarie come centri diurni e Case residenza anziani maggiormente in difficoltà”

Stipulare accordi per utilizzare il personale in graduatoria che attualmente non viene assorbito dalle Aziende sanitarie all’interno delle strutture sociosanitarie.

A chiederlo, in un’interrogazione, è la Lega che ricorda come “è notizia di queste ultime settimane che alcune strutture sociosanitarie dell’Emilia-Romagna si trovino costrette a ricorrere ad assunzioni di infermieri da Albania, India e Tunisia, ma al tempo stesso ci sono migliaia di professionisti vincitori di concorsi pubblici in attesa di entrare negli organici delle Aziende sanitarie”.

Da qui l’atto ispettivo per sapere se la giunta “ritenga opportuno verificare la possibilità di procedere con appositi accordi per utilizzare il personale in graduatoria, che attualmente non viene assorbito dalle Aziende sanitarie, all’interno delle strutture sociosanitarie, se non ritenga indicato il superamento del vincolo di esclusività per gli infermieri professionisti e quali altre azioni intenda attuare per garantire un sistema di gestione efficace di queste professionalità che possa tornare utile anche alle strutture sociosanitarie (aziende servizi alla persona pubbliche o accreditate)”.

(Luca Molinari)

La comunicazione istituzionale del Servizio informazione dell’Assemblea legislativa della Regione Emilia-Romagna dal 21 luglio 2022 è soggetta alle disposizioni in materia di par condicio

Sanità e welfare