Sanità e welfare

Coronavirus. Piccinini (M5s): dopo il “caso Bartolini”, come prevenire e affrontare i focolai?

La consigliera chiede chiarezza su quanto sta avvenendo nell’azienda di Bologna e sollecita i dati di tamponi e controlli nelle imprese

Silvia Piccinini (M5s)

La Regione come intende prevenire e affrontare i casi di focolaio da coronavirus che si stanno verificando in alcune aziende dell’Emilia-Romagna, prima fra tutti la Bartolini di Bologna?

A chiederlo è la consigliera Silvia Piccinini (Movimento 5 stelle), che, richiamate le norme anticovid previste dalle normative vigenti e fatto il punto sulla situazione attuale, interroga la Giunta per sapere “il numero dei controlli effettuati dalle Ausl e dagli altri organi ispettivi operanti in Emilia-Romagna per verificare il rispetto nei luoghi di lavoro dei protocolli relativi al Covid-19, articolati per provincia e per settore di attività e dimensione aziendale, se intenda effettuare azioni di controllo a tappeto, quali tamponi o altri test, su tutti i lavoratori dei settori più a rischio e quali misure intenda adottare per evitare che continui il primato dell’Emilia-Romagna per percentuale di decessi sul lavoro rispetto agli occupati”.

La pentastellata chiede poi all’esecutivo di definire con le altre istituzioni e le parti sociali “meccanismi realmente efficaci” per la sicurezza dei lavoratori.

(Luca Molinari)

Sanità e welfare