Sanità e welfare

Emergenza coronavirus. Bologna, Lega: attenzione a operatori e assistiti delle case di riposo

I consiglieri partono dalle segnalazioni nelle strutture Sant’Anna e Santa Caterina nonché I Platani di Bologna per sollecitare la Giunta a tutelare gli operatori sociosanitari e gli ospiti

Daniele Marchetti (Lega)

Richiedono una “particolare attenzione per gli operatori di strutture per anziani e per gli assistiti” i consiglieri della Lega, che con una interrogazione a prima firma Daniele Marchetti (a cui si sono uniti Lucia Borgonzoni e Michele Facci) riportano l’attenzione su due case di riposo per anziani di Bologna, la casa di riposo Sant’Anna e Santa Caterina di via Pizzardi, dove ci sarebbero oltre 20 persone fra ospiti, infermieri e operatori socio-sanitari (Oss), con febbre alta, ospedalizzati o al proprio domicilio, e la casa di riposo I Platani di via Serlio, dove ci sarebbe un caso positivo fra i dipendenti e mancanza di occhialini e mascherine.

“In questo particolare momento- sottolineano gli esponenti del Carroccio- le strutture per anziani dovrebbero essere organizzate in maniera preponderante con caratteristiche sanitarie, protocolli e percorsi rivisitati, assicurando strumenti di protezione personali a operatori e ospiti”.

Dunque, Marchetti, Borgonzoni e Facci chiedono alla Giunta “cosa si stia facendo per contenere questa situazione e se ci sia l’intenzione di porre una particolare attenzione agli operatori di queste strutture e agli assistiti”.

(Margherita Giacchi)

Sanità e welfare