Imprese lavoro e turismo

Question time ER Coraggiosa: certezze su futuro Terme di Porretta

La Giunta rassicura: stiamo accompagnando e stimolando la firma della convenzione definitiva fra tutti i protagonisti del piano di rilancio della struttura termale

“La Regione ha sempre seguito e sta seguendo la vicenda delle Terme di Porretta. Si tratta di un intervento strategico non solo per il comune di Alto Reno Terme. Stiamo tenendo alta l’interlocuzione con tutti i protagonisti di questo progetto, accompagnando e stimolando la firma della convenzione definitiva fra tutti i soggetti interessati”. Così la Giunta ha rassicurato ER Coraggiosa che chiedeva chiarimenti circa gli investimenti relativi ai fondamentali interventi di riqualificazione e ristrutturazione del complesso delle Terme di Porretta, nel comune di Alto Reno Terme, in provincia di Bologna.

“Nel 2019 la Conferenza delle Regioni autorizza le tre aree su cui Inail può intervenire per interventi di riqualificazione, fra queste aree c’è anche Porretta-Alto Reno Terme. Nel dicembre 2020, Inail stanzia numerose risorse per questi interventi (complessivi 60 milioni di euro per il triennio 2021-2023 per le tre aree); a fine maggio 2021 è stato siglato un accordo tra un gruppo privato che gestisce già altri complessi termali e l’attuale proprietario delle Terme di Porretta, affinché il gruppo privato in questione gestisca le terme”, spiega ER Coraggiosa che alla Giunta chiede “quando verranno ultimati gli atti necessari per portare a termine questa operazione di rilancio delle Terme porrettane”.

ER Coraggiosa, alla luce della presa di posizione dell’amministrazione regionale, si è detta soddisfatta perché la Giunta ha avuto conferma del fatto che Inail investirà le risorse promesse anche su Porretta (ovvero fino a 20 milioni in tre anni) e ha avuto certezza dell’impegno della Regione per concretizzare l’accordo tra Inail e privati per il rilancio delle Terme, specie dopo i problemi legati allo stop imposto dalle norme resisi necessarie per contenere la diffusione del Coronavirus.

(Luca Molinari)

Imprese lavoro e turismo