Imprese lavoro e turismo

Castaldini (Fi) chiede i numeri della Cassa integrazione in periodo Covid

La consigliera cita i Dpcm di Conte e le norme in essi contenuti per accedere ad altri contributi anticrisi

Quante sono le famiglie emiliano-romagnole che non hanno ancora ottenuto la Cassa integrazione straordinaria di questa primavera? Quante sono le imprese e quanti gli addetti che potrebbero non beneficiarne del Decreto legge Ristori a causa del mancato utilizzo della Cassa integrazione ordinaria (Cig) del Decreto Agosto?

A chiedere di fare chiarezza sull’uso degli ammortizzatori sociali in periodo di Coronavirus, è la consigliera regionale Valentina Castaldini (Fi), che, a sostegno del suo atto ispettivo, ricorda come “stando alle stime del presidente del Consiglio di indirizzo e vigilanza dell’Inps, sono ancora 81 mila le domande, relativamente alla Cig per i mesi scorsi, in attesa di riscontro: alcune istanze non ancora evase risalgono persino a marzo-aprile e la platea potenziale di lavoratori rimasti in attesa per mesi è di circa 526 mila”. Per la consigliera forzista “l’ultimo Dpcm stabilisce che, oltre alle imprese con attività sospesa dal 24 ottobre, possono richiedere ulteriori sei settimane di ammortizzatori solo quelle aziende che hanno già ottenuto l’autorizzazione a fruire delle ultime nove settimane previste dal Decreto Agosto”.

(Luca Molinari)

Imprese lavoro e turismo