Parità, diritti e partecipazione

Le donne immigrate residenti nel Reggiano visitano l’Aula e le mostre dell’Assemblea

Ricevute le protagoniste del progetto di integrazione e cittadinanza “La Repubblica delle nuove italiane”

Le donne immigrate residenti nel Reggiano in visita all'Assemblea

Alcune sono nate in Italia, frequentano le scuole reggiane oppure lavorano qui da 12 anni. Altre sono in Italia da due mesi, anche se già parlano qualche parola e riescono a farsi capire. Altre ancora hanno figli e dicono che la soddisfazione più grande sia stata portarli in Italia per farli studiare. Una delegazione di donne immigrate (marocchine e nigeriane soprattutto) residenti nel Reggiano e che fanno parte del progetto di integrazione e cittadinanza La Repubblica delle nuove italiane, promosso dal Comune di Reggio in collaborazione con la Fondazione Nilde Iotti, è stata in visita in Assemblea legislativa.

Dopo le mostre e la visita del parlamento regionale, le donne hanno incontrato la presidente della commissione Parità, che ha sottolineato come “la nostra commissione sia l’unica in italia ad avere potere legislativo: se diamo un parere negativo, il bilancio non viene approvato”. Per questo ha illustrato e donato alle donne il libretto contenente la legge quadro per la Parità e contro le discriminazioni di genere, tradotta anche in arabo.

“Questa commissione – ha spiegato la presidente – si è costituita nel 2011 e abbiamo introdotto anche la doppia preferenza di genere perché ci fossero più donne nella istituzione: abbiamo raddoppiato le elette in Regione”. Inoltre, è stato introdotto il principio, anche nelle aziende sanitarie, di essere attenti al rispetto dell’equilibrio tra uomini e donne. “Dunque a parità di curricula, se ci sono un uomo meritevole e una una donna meritevole, bisogna capire se bisogna riequilibrare la parte femminile o maschile”.

Le donne immigrate residenti nel reggiano hanno donato una locandina che raffigura l’intreccio di varie nazioni, che hanno già donato al Core (centro oncologico ed ematologico di Reggio Emilia).

Parità, diritti e partecipazione