Sanità e welfare

Facci (Lega): ripristinare il medico dello sport nell’ospedale di Alto Reno Terme

Dettagliata interrogazione per chiedere di riattivare un servizio importante per tutta la Media e Alta Valle del Reno

Ripristinare il servizio di medicina dello sport presso l’ospedale di Alto Reno Terme, in provincia di Bologna.

A chiedere l’intervento della Giunta a sostegno della sanità territoriale sull’Appennino bolognese, è, in un’interrogazione, il consigliere Michele Facci (Lega), che spiega come “nella scorsa primavera, presso l’ospedale di Alto Reno Terme è stato sospeso il servizio relativo alla presenza del medico dello sport, e da allora – a differenza degli altri servizi sanitari egualmente sospesi in via temporanea- non è più stato riattivato: attualmente, poiché anche all’ospedale di Vergato il servizio risulta sospeso, il più vicino ambulatorio Ausl che effettua visite medico-sportive si trova a Casalecchio di Reno, e quindi a ridosso della città, dove comunque i tempi di attesa sono lunghi. Questa situazione di disagio è stata ampiamente denunciata da parte delle maggiori associazioni sportive del territorio, in una lettera inviata ai massimi vertici sanitari e istituzionali, senza ricevere tuttavia alcun concreto riscontro”.

Da qui l’atto ispettivo per sapere dall’amministrazione regionale “perché non è stato ancora ripristinato il servizio di Medicina dello sport presso l’ospedale di Alto Reno Terme, in modo tale da eliminare i continui disagi agli sportivi e alle loro famiglie dimoranti nel territorio della Media ed Alta Valle del Reno?”.

Facci chiede inoltre “se la Giunta non ritenga che tale disservizio contrasti con il dichiarato intento di ‘rafforzamento dei presidi socio-sanitari e sociali nel territorio, con attenzione particolare alle aree interne e montane’ e di ‘rafforzare la rete di servizi di prossimità territoriale’, e con la necessità di ‘correggere le storture, a partire dalla riduzione dalle diseguaglianze sociali, economiche, territoriali e di genere’ come detto nel programma di mandato della Giunta, e, in generale, quali concrete iniziative intenda adottare per garantire a tutti gli abitanti e famiglie dell’Appenino bolognese la presenza del medico dello sport nel territorio”.

(Luca Molinari)

Sanità e welfare