Ambiente e territorio

Agricoltura, Bagnari (Pd): Livello fiume Ronco basso per lavori sulla strada Ravegnana chiusa, preoccupati per siccità

Il consigliere dem ha presentato un’interrogazione in Regione per chiedere di intervenire affinché gli agricoltori possano approvvigionarsi del corso d’acqua che scorre tra Forlì-Cesena e Ravenna.

Mirco Bagnari (Pd)

La Regione intervenga affinché gli agricoltori possano approvvigionarsi dalle acque del fiume Ronco, tra Forlì-Cesena e Ravenna, scongiurando il rischio siccità in primavera. Lo chiede Mirco Bagnari del Partito democratico, che porta l’attenzione sui disagi subiti dai coltivatori dopo la chiusura della SS67 Ravegnana per il crollo della diga di San Bartolo.

“Si segnalano le forti preoccupazioni degli agricoltori- spiega il consigliere dem- poiché, a causa delle necessità legate ai lavori di ripristino dell’argine e delle indagini della Procura ancora in corso sulle cause del crollo, si impone di tenere basso il livello del fiume Ronco, rendendo però in questo modo impossibile l’approvvigionamento di acqua per l’irrigazione dei campi nei mesi a rischio siccità”.

Al momento sarebbe più a rischio un’area ampia che comprende il territorio tra Longana e Forlì, mentre sembrano essere possibili soluzioni alternative di approvvigionamento per le aree più a nord, da San Bartolo a Ravenna. Alla luce di questo il consigliere Pd interroga la giunta per sapere “quali siano gli strumenti che la Regione può e intende mettere in campo al fine di scongiurare per gli agricoltori interessati dall’impossibilità di approvvigionamento dalle acque del fiume Ronco il rischio siccità che potrebbe profilarsi già dai mesi di marzo e aprile”.

(Giulia Paltrinieri)

Ambiente e territorio