Ambiente e territorio

Territorio Modena. Pigoni (Lista Bonacini): scongiurare chiusura sportello bancario a Montecreto

La consigliera chiede alla Regione di attivarsi verso il Banco di San Geminiano e San Prospero per “salvare” la filiale nel comune dell’Appenninico modenese

La Regione intervenga per scongiurare la chiusura della sede del Banco di San Geminiano e San Prospero nel comune di Montecreto, sull’Appennino modenese.

A chiederlo, in un’interrogazione, è la consigliera Giulia Pigoni (Lista Bonaccini), che ricorda come “si è appreso da notizie stampa che ai primi di dicembre il Banco BPM ha annunciato l’intenzione di arrivare alla chiusura di almeno 300 sportelli sull’intero territorio nazionale, in un’ottica di razionalizzazione dell’ente creditizio, e fra questi sportelli figura anche quello dell’agenzia del Banco di San Geminiano e San Prospero nel comune di Montecreto: ciò sta generando grande preoccupazione nei residenti perché sarebbe l’ennesimo taglio ai servizi in montagna, a questa si sommano infatti la perdita delle sedi del Tribunale, dell’Agenzia delle entrate e della Siae di Pavullo e di svariati uffici postali dislocati in vari comuni dell’Appenino modenese, con il rischio di generare, oltre al disagio per i cittadini e per le imprese, un oggettivo ostacolo alle politiche di riqualificazione e ripopolamento della montagna”.

Da qui l’atto ispettivo per sapere dall’esecutivo regionale “se intende intercedere con l’istituto bancario al fine di sollecitare la revisione di questa scelta che comporterebbe un’ulteriore perdita di un importante servizio per la comunità montana”.

(Luca Molinari)

Ambiente e territorio