Ambiente e territorio

Territorio Parma. Pista ciclopedonale sul Parma. Gibertoni (M5s): “inutile dispendio di denaro pubblico”/ foto

La consigliera propone invece di rivedere e potenziare la pista già esistente sull’altra sponda del fiume, al di fuori dell’alveo

“Un inutile dispendio di denaro pubblico”. Con un’interpellanza rivolta al governo regionale Giulia Gibertoni dei Cinquestelle critica la realizzazione di una pista ciclopedonale nell’alveo del torrente Parma nel centro della città: l’opera, nella sponda sinistra del fiume, dovrebbe, infatti, attraversare parte del centro storico di Parma.

La consigliera spiega che la pista “verrà costruita in una zona a rischio alluvioni”. Inoltre, aggiunge, “si interviene in maniera pesante su un’area che costituisce un corridoio ecologico”. Un’area naturalistica urbana, prosegue la pentastellata, “che, proprio per la sua unicità, dovrebbe essere difesa e preservata, in quanto patrimonio comunitario ambientale”. L’esponente dei Cinquestelle parla anche di costi aggiuntivi per la manutenzione e per garantire la sicurezza sul tratto. Riferisce, inoltre, di “contraddizioni” nell’applicazione dello statuto comunale, in riferimento all’articolo sulla salvaguardia dell’ambiente e sulla tutela e la valorizzazione del territorio comunale.

Per Gibertoni, quindi, “un intervento di viabilità non necessario”, tenuto anche conto, evidenzia, “che già esiste una pista pedonale e ciclabile nella sponda destra del torrente ma al di fuori dell’alveo, opera che potrebbe essere potenziata e migliorata, con inferiore spesa e con la certezza di minori problemi in termini di rischio idrogeologico, sicurezza per le persone e, non ultimo, con un impatto ambientale praticamente nullo”.

(Cristian Casali)

Ambiente e territorio