Sanità e welfare

M5s: incrementare il fondo per l’eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici privati

Nella risoluzione che riguarda la rimozione delle barriere architettoniche negli edifici privati si chiede anche un incremento del contributo regionale a partire dalla prossima legge di bilancio

“Richiedere al governo e al Parlamento il rafforzamento del fondo speciale per l’eliminazione e il superamento delle barriere architettoniche negli edifici privati, con l’obiettivo di perseguire la più alta copertura delle domande da parte degli interessati”.

Questa la richiesta principale che il M5s consegna alla giunta regionale con un’articolata risoluzione sul tema. Sottolineando come siano numerosi i richiedenti “che devono affrontare attese lunghe anche di diversi anni prima di ricevere il contributo, trovandosi a dover sostenere direttamente spese rilevanti per interventi quali, a titolo d’esempio, la realizzazione di montascale, indispensabili al superamento delle barriere architettoniche domestiche”, i pentastellati rimarcano come la situazione attuale si riverberi negativamente sui soggetti in condizione di maggiore fragilità.

Ricordando anche come l’Emilia-Romagna sia connotata “dalla presenza di un’elevata percentuale di popolazione anziana, conseguentemente più esposta alle criticità derivanti dalla presenza di barriere architettoniche”, il M5s impegna la giunta regionale a promuovere la richiesta di rafforzamento del fondo anche presso le altre Regioni del Paese e a prendere in esame, a partire dalla prossima legge di bilancio, un incremento del contributo regionale per le domande che non trovassero copertura tramite il fondo nazionale.

(Luca Boccaletti)

La comunicazione istituzionale del Servizio informazione dell’Assemblea legislativa della Regione Emilia-Romagna dal 21 luglio 2022 è soggetta alle disposizioni in materia di par condicio

Sanità e welfare